Menu

Verande e Serre Bioclimatiche

Verande e Serre Bioclimatiche

Stellino Design e le verande e serre bioclimatiche per ogni ambiente e utilizzo, strutture verande in alluminio, ferro e legno dotate di grondaie e scarico acqua.
​Stellino Design propone coperture per verande mobili o fisse, in vetro, alluminio, policarbonato, pvc o con pannelli coibentati,
Stellino Design propone inoltre verande esterne con coperture idonee per protezione dal sole, pioggia e neve, vetrate mobili o chiusure in pvc sono sistemi per come chiudere una veranda, da utilizzare in ogni stagione.​

Le origini delle serre partono da molto lontano.

Già i Romani le utilizzavano nell’hortus per forzare la crescita di alcuni tipi di piante.

Ma nel tempo il concetto di serra si è evoluto per adeguarsi alle mutate esigenze non solo produttive, ma anche sociali.

Oggi, per esempio, in Germania sono diffusi i Wintergarten o «Giardini d’Inverno», locali che completano l’abitazione, consentendo di trascorrervi qualche ora di sole anche durante la stagione fredda.

Oggi la nuova frontiera si chiama Serra bioclimatica (ma viene anche indicata come serra solare o serra captante), soluzione architettonica che riunisce in sé caratteristiche di biocompatibilità, comfort ed eleganza.

Sempre più abitazioni si dotano di strutture di questo tipo in grado di aggiungere uno spazio particolare ed esclusivo dove trascorrere il proprio tempo libero, in tutte le stagioni.

 

Ma cos’è, esattamente, una serra bioclimatica? 

Anzitutto occorre sgombrare il campo da un equivoco comune: la serra bioclimatica non è una veranda. “

 

Non solo. I materiali da utilizzare per la realizzazione di serre solari, per esempio, devono consentire l’irraggiamento solare, limitando la dispersione termica e, elemento ancora più importante, le pareti non possono essere dotate di sistemi fissi di schermatura dai raggi del sole, anche se è ovviamente possibile prevedere ombreggiamenti mobili durante la stagione calda.

 

Chiunque avesse intenzione di installare una serra solare, dunque, dovrà fare riferimento allaLegge regionale 27 maggio 2008, n° 6 e alle sue successive modifiche, per comprendere appieno quali sono i requisiti richiesti al progetto e quali sono i limiti dettati dalla normativa regionale del Lazio entro i quali ci si dovrà muovere.